Il Blog del Consorzio Coesa

Il Blog del Consorzio Coesa

Perchè un (altro) blog sul sociale?


Una delle risorse più scarse delle organizzazioni di Terzo Settore è il tempo. Si inseguono scadenze, si erogano servizi, si cambiano le modalità di lavoro, si progetta, si gestisce. Il tempo per riflettere è rimandato a dopo, a quando si avrà, appunto, tempo.

Il Consorzio Coesa da un anno si è dotato di un nucleo di progettazione strategica che, a servizio delle sue cooperative socie e dei territori, lavora sui temi dell’innovazione sociale, della valutazione di impatto, della costruzione di progettualità capaci di far uscire “il sociale” dall’angolo residuale e talvolta marginale in cui è tradizionalmente confinato. Se il Terzo Settore per anni è stato un “riparatore di guasti” oggi deve saper costruire le condizioni per essere un attore di sviluppo sociale, economico, territoriale. Questo significa cambiare i paradigmi, le modalità di lavoro. Significa cambiare l’approccio delle proprie organizzazioni e far cambiare l’approccio degli altri attori sociali ed istituzionali.

Il tempo bisogna prenderselo, pretenderlo: dobbiamo studiare, imparare dagli altri, offrire piattaforme di pensiero, pratiche, riflessioni, approfondimenti. Non basta più essere bravi perché lo si è stati. Bisogna avere visioni lunghe, capacità di interpretazione veloci, adattive, resilienti. Per questo il Consorzio Coesa, con coraggio e lungimiranza, ha investito in una funzione di progettazione strategica che possa accompagnare il cambiamento, offrendo opportunità e strumenti a tutti i suoi soci, ai suoi collaboratori, alle comunità di riferimento.

Ecco, allora, il perché di questo blog.

Intanto perché vogliamo raccontarci: siamo una comunità di pratiche competente e professionale. Abbiamo a che fare con fenomeni sociali complessi e difficili: disabilità, esclusione sociale, giovani, bambini, genitorialità e famiglie, vecchie e nuove povertà. Li affrontiamo con etica e pensiero, competenza e rigore. Immersi nel “fare” talvolta dimentichiamo di raccontare cosa facciamo, come lo facciamo. Pensiamo invece che raccontarsi sia un esercizio di trasparenza che ci permette di fare il punto e di metterci a disposizione. Ci costringe a prenderci il tempo.

Dentro questa comunità di pratiche ci sono persone con le loro storie, i loro desideri, il loro lavoro appassionato immersi in contesti sociali spesso difficili. La cooperazione ha come tratto distintivo – identitario ed etico – la valorizzazione delle persone: di chi lavora, di chi fruisce dei servizi. Vogliamo dare volto e parola alle persone e ai progetti, per riportare il “sociale” a quella dimensione umana, relazionale, viva che ci contraddistingue.

Infine pensiamo che costruire un luogo di riflessione che ospiti contributi, non solo nostri ma di altri, sia un servizio ai nostri soci ma soprattutto ai contesti sociali nei quali operiamo. Vorremmo che questo blog diventi un centro risorse nel quale raccogliere i tanti contributi che, qui ed altrove, vengono offerti. Vorremmo contribuire a costruire pensiero: partendo da noi, intercettando altri, tessendo reti di simili e diversi che con noi condividono l’urgenza di mettere a fuoco pratiche, modalità e nuovi modelli di lavoro in quel sistema aperto che è la dimensione sociale delle imprese cooperative.

E’ una sfida, saremo in tanti a sostenerla.

#staytuned

Visita il nostro sito per conoscere i servizi

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito